Cerca nel blog

mercoledì 31 luglio 2013

Esperienze da film horror



E' iniziato tutto quando mia madre ha mandato mio fratello a portare una fetta di torta alla vicina.
Un'ora dopo mio fratello non era ancora tornato.
E onestamente neanche mi sarei accorta della sua prolungata assenza se non fosse che si sono presentati due suoi amici alla porta di casa, quindi decido di andare a chiamarlo. BIG MISTAKE!
Esco, suono e mentre aspetto gli amici di mio fratello mi raggiungono sul pianerottolo.
Il mio vicino di casa apre e io gli chiedo di mio fratello, lui ci invita ad entrare, ma declino l'invito, se non fosse che nel frattempo la porta di casa mia si chiude per l'unico colpo di corrente esistente in questa calda estate. Inizio a suonare a ripetizione il campanello, ma ovviamente mia madre era in bagno e non sentiva quindi siamo costretti ad entrare dai vicini, proprio quando mio fratello ne stava per uscire.
Quindi che cosa insiste per mostrarci la mia anziana vicina? L'appassionante tour dei quadri fatti da lei a punto croce.   Tour in cui ci sono stati minuziosamente raccontati quanti fili, quante perline e quanto tempo servisse per produrre ciascuna delle opere! Quando abbiamo finito il giro dei quadri appesi in salotto io, mio fratello (che faceva il giro per la seconda volta) e i suoi amici abbiamo tirato un sospiro di sollievo, eravamo già pronti ad andarcene quando siamo stati trascinati in camera da letto perché mica potevamo perderci il quadro col vetro opaco e nuovamente la nostra fuga è stata stroncata sul nascere perché doveva assolutamente vedere anche ciò a cui stava lavorando al momento in cucina. 
Infine dopo un'ulteriore sosta in soggiorno in cui ci sono stati raccontanti anche presunti miracoli che sarebbero stati compiuti siamo stati finalmente liberati.
Una volta usciti siamo tutti scoppiati in una risata liberatoria, ci sembrava che non ce l'avremmo più fatta ad uscire da quella casa!

lunedì 15 luglio 2013

Reasons why my dad is the best...




Oggi mia madre era nella mia stanza lamentandosi come suo solito del fatto che la stanza non fosse in ordine e altre cose che non stavo nemmeno ascoltando, ad un certo punto entra nella stanza anche mio padre che tutto serio mi guarda e mi dice "Sandra la conosci la storia dei dieci comandamenti?"
Io sospettando che fosse lì per dare manforte a mia madre rispondo che non la conosco.
Allora lui insiste "e la storia dell'ultima cena la conosci?"
A questo punto mi ritrovo costretta ad annuire aspettandomi la ramanzina.
E mio padre allora parte "sai che cosa fece Gesù durante l'ultima cena? Prese il pane e lo divise, no?"
Io e mia madre lo guardiamo cercando di capire il punto, lui allora continua serio "allo stesso modo noi ci dobbiamo dividere mamma, mica la posso sopportare sempre io!"
Lo sguardo scioccato di mia madre era impagabile, abbiamo riso per mezz'ora.

venerdì 12 luglio 2013

Wedding in black

Qualche mese fa la terribile attrice di 90210 Shenae Grimes si è sposata con un bel vestito nero di Vera Wang, mi ha stupita, ma poi dopo qualche secondo speso a considerare se mi piacesse o meno l'idea del vestito nero mi sono dimenticata di lei.


Oggi il mio occhio è caduto su una foto del matrimonio di Avril Lavigne , che per quel che ne so potrebbe essersi sposata ieri o svariati mesi fa, ma la cosa che mi ha colpito è che anche lei si è sposata in nero. Che stia diventando una nuova moda? Che cosa ne pensate?  Io più le osservo e più mi convinco che non mi dispiacciono queste spose in black.

sabato 6 luglio 2013

Non ho più l'età!



A onor del vero devo dirvi che questo è un post scritto a marzo dell'anno scorso, ma qui non l'ho mai pubblicato e in più oggi mi sento più pigra del solito e non ho voglia di mettermi a completare uno dei post che inizio e poi lascio nelle bozze , quindi ho deciso di pubblicare questo raccontino di quando ho avuto la malsana idea di andare a vedere Willwoosh. Se non lo conoscete  andatevi a vedere i suoi video su Youtube.

Marzo 2012
Oggi, colpita da un’improvvisa febbre di bimbominchiaggine ho deciso di andare alla Feltrinelli a vedere Willwoosh per la presentazione del suo libro*. Del libro non me ne fregava niente onestamente, ma Willwoosh mi è sempre piaciuto e mi sembrava una cosa carina andare a vederlo. Ecco, dopo oggi, anche se non è colpa sua, lo odio un po'.  L’evento sarebbe dovuto iniziare alle 16,30 e io ingenua alle 15,00 sono andata là convinta di non trovare troppa gente, l’orda di teenager che già c’era già avrebbe dovuto mettermi in guardia e spingermi ad andar via. Ma naturalmente non l’ho fatto! Ho passato le seguenti due ore e mezza a socializzare con sedici/diciassettenni mentre venivamo sballottati, spinti da una parte all'altra perché la cara security della Feltrinelli, nonostante la gente che sveniva a destra e a manca, non si decideva ad aprire le porte! Organizzazione di merda, oltretutto ci spingevano in strada e la strada inizialmente non era neanche stata chiusa al traffico!!! Due ore e mezza in cui ho avuto gomiti di gente dappertutto, capelli tirati, evitato gli sputi di qualche cazzone, sudato come la matta e rischiato di perdere pezzi nel mentre, alla fine quando alle 17,30 hanno annunciato che avrebbero fatto entrare 20 persone alla volta e prima entravano quelli col libro, che non avrei mai e poi mai comprato, ho rinunciato ad entrare. Ma anche uscire da in mezzo a una folla che spinge nella direzione opposta rispetto a quella in cui vuoi andare tu non è un'impresa facile.  Quando finalmente sono riuscita ad uscire mi son accorta che quasi niente dei miei vestiti era più al suo posto, neanche il reggiseno xD 
Probabilmente se non fossi stata in giro dalle 10 della mattina sarei rimasta, ma in tutto ciò sono giunta alla conclusione che non più l’età per fare certe cose !

*Il libro in questione era 10 regole per farla innamorare.